: preg_replace() [function.preg-replace.php]: The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/speedtec/www/agoratn.it/includes/unicode.inc on line 311.

Numero 02/2017

Sezione contributi famigliari e lavoro con la famiglia

“LABORATORIAL…MENTE”. Intervento integrato e multidisciplinare alla problematica di bambini con ADHD e sostegno alle loro famiglie

Fabrizio Botto, Trento, Laureato in Psicologia, psicoterapeuta in formazione presso la scuola di psicoterapia psicoanalitica de il Ruolo Terapeutico di Milano; lavora come educatore scolastico e domiciliare per Progetto 92 SCS. Progetta e conduce spazi laboratoriali con finalità educative, didattiche e riabilitative in contesti scolastici ed extrascolastici.

Elisa Pichler, Trento, educatrice, musicoterapista e cantante lirica. Si è formata presso il Cesfor di Bolzano ed il Conservatorio F.A. Bonporti di Trento. Lavora dal 2005 presso la Coop. Sociale Progetto 92 di Trento nel servizio di educativa domiciliare e in percorsi di pedagogia musicale nella scuola primaria. Dal 2004 collabora con il Centro Trentino Musicoterapia di Trento in progetti di interventi musicoterapici in ambito psichiatrico adulti, anziani e bambini con disagio psicofisico.

Monica Broch, Trento, Laureata in Educatore Professionale Socio Sanitario, svolge la propria attività come responsabile dell’Area Supporto alla Genitorialità della Cooperativa Progetto 92, in particolare, dal 2004, ricopre il ruolo di responsabile del Servizio di Educativa Domiciliare. Diplomata in Psicomotricità presso la Scuola Triennale di Formazione in Psicomotricità CISERPP di Verona nel 2004, ha condotto vari progetti in scuole elementari e scuole dell’infanzia e stage formativi in collaborazione con La Tela ONLUS di Milano.

Nel 2016, dalla collaborazione tra la Cooperativa Sociale Progetto 92 di Trento, il Servizio di Neuropsichiatria Infantile dell’Azienda Sanitaria (TN) e l’area età evolutiva dell’Istituto Franca Martini (TN) è nato “Laboratorial...Mente”, un percorso multimodale integrato per la presa in carico di bambini con diagnosi di Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività. Il progetto ha visto collaborare diversi professionisti attraverso azioni differenti: valutazione neuropsicologica dei bambini; sostegno con incontri di gruppo ai genitori; consulenza e affiancamento agli insegnanti nelle scuole e riabilitazione/potenziamento delle competenze dei bambini attraverso incontri settimanali di attività laboratoriale-musicale. L’articolo, dopo aver introdotto il tema della diagnosi di DDAI e aver descritto sommariamente l’intero progetto, si focalizza sull’esperienza laboratoriale condotta con i bambini, spiegando brevemente i principi dell’uso terapeutico della musica e illustrando i presupposti teorici, gli obiettivi, il setting, la metodologia e gli esiti del percorso.