Numero 02/2014

Sezione formazione


I sensi negati. Estetica e spazi di cura

 

Antonello Panetta, Trambileno (TN), Filosofo, Specializzato in Estetica con particolare riferimento alla filosofia della percezione e della mente. Attualmente ha avviato un’azienda che si occupa di problemi legati al lavoro. Sta coordinando una serie di professionisti per dare vita ad un progetto che si interesserà di Work related stress.

 

Questa ricerca indaga le varie forme di relazione che l’individuo stabilisce con lo spazio privato e con i luoghi deputati alla cura. Nella prima parte si fa il punto sull’abitazione, sulla casa come luogo d’identificazione: spazio fatto di relazioni ove ci si riconosce, si cresce, dove si affinano i sensi e dove vengono plasmati i propri bisogni e i primi affetti, così come le prime sensazioni di piacere e di disagio. Mostreremo, inoltre, come le diverse patologie della percezione portino alla deformazione dello spazio e del tempo vissuto. Infine, chiuderà l’articolo un rapido excursus sulla storia degli ospedali psichiatrici per valutarne l’evoluzione e i cambiamenti, così come si farà un breve accenno alle varie interpretazioni che si sono susseguite nel corso della storia sul concetto di follia.

L’intento è di dimostrare che può esistere, anzi è oggi necessaria, la collaborazione e l’interazione di più discipline tra loro per ridefinire e riprogettare gli spazi adibiti alla cura delle “malattie mentali” e non solo.