Numero 02/2008

Sezione contributi famigliari e lavoro con la famiglia

Autismo e famiglia

Cristina Caligiuri, Roma, laureata in Psicologia all’Università “La Sapienza” di Roma. Frequenta l’ultimo anno della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Gestalt Analitica. Da quattro anni svolge la propria attività di tirocinio presso il Servizio per la Cura e la Prevenzione delle tossicodipendenze dell’ASL ROMA C. Insegna nella Scuola Statale Primaria a Roma. Si è da sempre interessata alle problematiche riguardanti l’autismo e i relativi vissuti familiari.

Quando si affronta il tema della nascita e della vita di una persona con disabilità non si può prescindere dal considerare il contesto familiare con le difficoltà, le potenzialità ed i vissuti che lo caratterizzano. Il presente articolo traccia un excursus della vita delle famiglie con un figlio disabile (con un focus su figli con autismo) e dei loro vissuti dal momento della nascita e delle prime tappe evolutive, a quello delicato della comunicazione della diagnosi con le conseguenze che essa porta all’interno della famiglia, della coppia, dell’individuo. Si propone, poi, una riflessione rispetto ai fattori che possono essere attivati e sostenuti al fine di favorire il dispiegamento delle risorse familiari in un’ottica di miglioramento della stima della famiglia, della relazione genitori – figli e, quindi, più in generale, della qualità di vita.