: preg_replace() [function.preg-replace.php]: The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/speedtec/www/agoratn.it/includes/unicode.inc on line 311.

Numero 02/2008

Sezione esperienze

“…un’esperienza motivante per soggetti con ritardo mentale”

Francesca Pitteri, Trento, in possesso del diploma di Laurea Specialistica in Scienze delle Attività Motorie Preventive ed Adattate per soggetti disabili, Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi di Verona. Attualmente operatrice di Macramè, servizio della Cooperativa Sociale Villa Maria, che promuove il volontariato nell’ambito della disabilità psicofisica.

Il mio lavoro di ricerca sperimentale si basa sullo studio dell’andamento del peso corporeo in quattro soggetti, 2 obesi e 2 in sovrappeso, con ritardo mentale medio-lieve. La finalità della mia tesi trova il principale fondamento nel concetto di MOTIVAZIONEI soggetti con ritardo mentale, a causa dei loro deficit cognitivi, non riescono a concepire il fatto che praticare attività fisica in più giorni della settimana, per un determinato periodo, con una certa durata e con una specifica intensità possa portare ad un miglioramento della loro forma fisica e ad una diminuzione del grasso in eccesso; cercando però di stimolarli a correre nel gioco, a camminare su percorsi all’aperto e a muoversi con la musica si può arrivare indirettamente a svolgere delle attività che offrono certamente dei benefici al loro stato fisico e, perchè no, anche mentale. L’ambiente naturale, la musica, l’aspetto ludico del gioco sono semplici elementi che possono acquistare importanza divenendo caratteristiche peculiari di alcune attività, determinando così la motivazione/partecipazione all’attività stessa. Nei soggetti diversamente abili questi elementi soddisfano altri bisogni di carattere cognitivo, emotivo, relazionale, e non solo il miglioramento dello stato di salute o la diminuzione di peso.